Book Now!

Miglior prezzo garantito

Prenota la tua esperienza...

...Luxury

AL SAINT-VINCENT RESORT & CASINO Le Rascard, Brasserie e Gaya: 3 ristoranti per 3 chef pluripremiati

AL SAINT-VINCENT RESORT & CASINO Le Rascard, Brasserie e Gaya: 3 ristoranti per 3 chef pluripremiati

Giancarlo Duce firma i menu del nuovo ambiente elegantissimo e estremamente flessibile per grandi eventi di classe;

Francesco Liguori sa come coccolare i clienti più esigenti della sala da gioco;

Emanuele Lattanzi stupisce ogni sera con  la più originale cucina fusion.
Saint Vincent Resort & Casino non è soltanto Hotel all’avanguardia e Casa da gioco; è anche cucina, sapori e profumi. Il ventaglio di proposte si fa sempre più ampio: al momento i ristoranti sono tre, ma presto saranno cinque. Le Rascard Salon et Terrasse, la Brasserie du Casino, Gaya Mood & Food: tre ristoranti, tre cuochi eccezionali pluripremiati, tre cucine diverse, personali e personalizzate che valgono una trasferta nella deliziosa cittadina valdostana.

Le Rascard Salon et Terrasse

Il più giovane - ha aperto i battenti in agosto - il più frizzante, il più innovativo. Questo è Le Rascard Salon et Terrasse, il regno dello chef Giancarlo Duce,  che vanta  il prestigioso riconoscimento di Maestro di cucina rilasciato dal Centro Studi d’Arte Culinaria e dall’Associazione Cuochi Italiani 2005. Duce è molto apprezzato a livello nazionale e internazionale ma è da sempre legato alla Valle d’Aosta in un sodalizio che si avverte profondamente nella sua cucina, ricca di sapori e fragranze del territorio.
L’ambiente di Le Rascard è stupefacente:  450 mq di eleganza e luce, con soluzioni architettoniche e di arredo molto originali  e anche uno spazio flessibile e modulabile per usi personalizzati: può ospitare fino a 400 persone, è quindi la soluzione ideale per cerimonie e banchetti. Inaugurato il 27 settembre in occasione del Premio Saint-Vincent di Giornalismo, Le Rascard attende gli ospiti, turisti e aziende, per cene ed eventi di classe.

La Brasserie du Casino

Rinnovata di recente, è caratterizzata da giochi di luci e colori sotto i quali dà il meglio di sé il master chef Francesco Liguori, che nella sua carriera ha collezionato numerosi riconoscimenti: l'Onorificenza Nazionale al merito Professionale di Maestro di cucina del 2008, la medaglia d’argento al primo Campionato Italiano di Finger Food nel 2008 e  il primo posto nella manifestazione International Kremlin Culinari Cup con il Team Italia dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani.
Destreggiarsi fra tavoli da poker, roulette e chemin de fer può essere impegnativo. Per questo i clienti più esigenti del Casinò di Saint-Vincent amano concedersi una pausa gastronomica alla Brasserie, dove sono serviti con grande attenzione e coccolati con gentilezza e piatti personalizzati. Per sognare, per ricaricare la concentrazione e, magari, per richiamare la buona sorte. La cucina è un mix originale: piatti dai sapori valdostani affiancati al gusto del pesce pregiato, portate rivisitate in chiave moderna e presentate con stile e cura estetica.


Gaya Mood & Food
In questo ristorante convivono splendidamente sapori mediterranei e aromi orientali, dando vita ad una cucina fusion che amalgama Oriente ed Occidente in piatti perfetti. Lo Chef Emanuele Lattanzi è l’anima del Gaya ed è giunto qui dopo aver lavorato in ristoranti premiati con la stella Michelin e aver guadagnato premi prestigiosi, tra cui il Premio Seven Stars and Stripes a Mumbai. Il Gaya Mood & Food vive all’interno della nuova Sala Evolution, l’area dedicata alle slot machine dove su 1.700 mq  sono disponibili oltre 290 postazioni che sono diventate un caso internazionale per le formule innovative del gioco. Con ingresso indipendente, Sala Evolution e Gaya sono accessibili dalla passeggiata di Saint-Vincent. L’arredamento moderno regala  tocchi di personalità che non lasciano indifferenti e, fra i vari sapori del mondo, si riesce a perdere la dimensione del tempo e dello spazio, per abbandonarsi a un totale relax.
Presente… e Futuro.
A breve la scelta dei ristoranti all’interno del Saint-Vincent Resort & Casino raggiungerà quota cinque. Di prossima apertura il 1908 e La Grande Vue. Il 1908 prende il nome dall’anno in cui il Grand Hotel Billia ha aperto i battenti. Vi si celebreranno passato, presente e futuro della storia del complesso turistico. La Grande Vue, invece, sarà il ristorante gourmet del Gran Hotel Billia: offrirà sapori freschi e genuini in un ambiente di classe, arredato con stile e ricercatezza, tra calici di champagne e bicchieri di vino pregiato della cantina climatizzata ospitata all’interno di una teca di vetro.



TRE RICETTE DA PROVARE

Medaglioni di manzo Fassone alla soia e maggiorana
con purea di patate rosse al wasabi e sale vanigliato
Dallo Chef  Emanuele Lattanzi - Gaya

Ingredienti per 4 persone:
560 g di medaglioni di manzo Fassone
400 g di patate rosse
400 g di asparagi verdi
50 g di burro
4 rametti di maggiorana
100 g di miele di castagno
300 ml di soia
10 g di wasabi
Rock chives cress
5g di sale vanigliato
olio extra vergine di oliva
sale pepe

Procedimento:
Marinare  i  medaglioni con maggiorana ed 50ml di soia per circa mezzora.
Far bollire le patate in acqua salata.
Appena cotte le patate pelarle e passarle al passaverdure  aggiungendo burro, sale, pepe, foglioline di maggiorana e il wasabi.
Mescolare il tutto fino ad avere un impasto omogeneo.
Per la salsa ridurre 200ml di soia, un rametto di maggiorana e il miele fino ad avere  una consistenza densa.
Tagliare a bastoncini gli asparagi e cuocerli alla griglia.
Cuocere i medaglioni  in padella con un poco olio.
Una volta rosolati bene da ambo i lati aggiungere la restante soia e far evaporare il tutto.
Posizionare al centro del piatto la purea di patate, adagiare sopra gli asparagi e poi  i medaglioni di manzo.
Per guarnizione mettere la salsa di soia, sale vanigliato ed infine la Rock chives cress.

Millefoglie di carpaccio di Fassone
con carciofi, formaggio di fossa ed emulsione alle alici
Dallo Chef  Giancarlo Duce - Le Rascard

Ingredienti per 4 persone:
400 g filetto di Fassone
4 carciofi
100 g formaggio di fossa
80 g alici sott’olio
olio extra vergine d’oliva
succo di limone
aglio
crema di latte

Procedimento
Tagliare il filetto in fettine sottili con l’affettatrice.
Pulire i carciofi, tagliarli a julienne sottile e condire con olio e succo di limone.
Tagliare a scaglie sottili il formaggio di fossa.
Far sciogliere sul fuoco in un padellino le acciughe con mezzo spicchio d’aglio intero e olio. Togliere l’aglio, frullare ed aggiungere un poco di crema di latte.
Comporre al centro del piatto 5/6 fettine di filetto in verticale, intercalate con i carciofi conditi e le scaglie di formaggio.
Intorno un poco di emulsione di alici.




Tagliata di petto d’anatra laccata al miele di castagno
con insalatina di mele e noci
Dallo chef Francesco Liguori - Brasserie

Ingredienti per 4 persone
600 g petti d’anatra (4 petti)
100 g vino bianco
100 g misticanza
50 g miele di castagno
50 g olio extra vergine di oliva
50 g noci
2 mele
1 limone

Procedimento:
Con un coltello incidere la pelle dei petti d’anatra salare e farli rosolare in una padella, quando sono ben rosolati bagnare con il vino bianco, lasciare evaporare e aggiungere il miele, passare in forno a 170° per circa nove minuti.
Nel frattempo pelare le mele e tagliarle a cubetti condire con limone, olio, sale e pepe aggiungere le noci. Quando l’anatra sarà cotta farla riposare per qualche minuto prima di scalopparla.


 

Book Now!

Miglior prezzo garantito

Prenota la tua esperienza...

...Luxury